Echi di sangue, di Giusy De Nicolo

echi

Autore: Giusy De Nicolo
Lunghezza stampa: 144
Editore: Òphiere
Lingua: Italiano
Acquistabile qui

Trama:

Che accadrebbe se un vampiro irrompesse nella vita di uno studente dell’Università di Bari, uno di quelli depressi, incupiti da un senso di impotenza? Si riderebbe dello sguardo dissacratore con cui Andrea, detto Cespuglio, guarda alla materia “vampiri”. E si continuerebbe a ridere se non fosse che invece lo sguardo del vampiro porta in piena luce il lato oscuro della vita di Andrea, quello scabroso, violento, angosciante.

Recensione:

Talvolta l’oscurità non spaventa.
Talvolta protegge.
Talvolta la luce non salva.
Talvolta distrugge.
Ci sono bagliori osceni e spietati.
E ci sono creature fatte di tenebra che rifulgono.

Questo è un romanzo alla sua terza edizione (nelle prime due era intitolato Porcaccia, un vampiro!), ed io sono alla mia (credo) sesta rilettura.
Per farvela breve: lo adoro!
Interamente narrata dal punto di vista di Andrea, Echi di sangue è la storia di uno studente fuorisede a Bari. E di un vampiro. Sì, esatto. Un vampiro. Assolutamente fuori dal comune, ma ugualmente vampiro.
Andrea è un universitario moderatamente svogliato come tanti, abbastanza al verde come molti e incredibilmente sarcastico come pochi. Ludovico è un vampiro tenebroso, spregiudicato, esperto di libri antichi e invischiato con un numero imprecisato di associazioni malavitose di mezza Europa.
Amo l’idea che l’autrice ci dà dei suoi vampiri. Ludovico non ha poteri superiori, non è superbello, non è superforte, non sa volare e di certo non si sa trasformare in qualche animale della notte. Le uniche cose che la sua condizione gli regala sono un’estrema longevità, la capacità di guarire ogni ferita (se non perde troppo sangue) e l’immunità da qualsiasi malattia. Può morire se esposto al sole e se gli viene trafitto il cuore. Ed è estremamente solo. Ludovico è un’anima distrutta, dalla vita e dalla morte, con un passato che si porta costantemente dentro grazie a una memoria formidabile. Una memoria che è la sua ancora di salvezza, ma anche la sua dannazione. È per sfuggire ai ricordi più dolorosi che cerca sollievo nell’ingannnevole pace chimica donatagli dalle droghe. Ma quel fragile equilibrio va in frantumi quando nella sua vita arriva Andrea.
Essere uno studente fuorisede già di per sé non è cosa facile, ma Andrea ha anche altri pesi che si porta sulle spalle, che nasconde sotto un ferreo distacco e difende con un affilatissimo sarcasmo. Fortuna (o sfortuna) vuole che, dopo una notte di bagordi, in un vicolo buio incontri Ludovico e la sua vita cambi drasticamente.

Adesso mi mangia, pensai.
«Sto aspettando,» fece, senza astio.
E dopo mangiato sputa i capelli e le scarpe, con un rutto.

Il loro rapporto cresce con il tempo, si fa profondo, rivelando il passato durissimo di tutti e due, unendoli entrambi in modi che avrebbero creduto impossibili.
Sebbene il tono iniziale del romanzo sia divertente e sarcastico, lentamente si fa più cupo e profondo. Lo stile dell’autrice è ricco di citazioni e colloquialismi, che donano vivacità al testo, ma non è un linguaggio povero, tutt’altro! I personaggi secondari non sono esageratamente descritti, eppure sono tutti molto riconoscibili. E tutti molto veri.
Il punto forte della storia penso sia proprio la sua credibilità. Sia le ambientazioni che i personaggi narrati sono tutti molto realistici. Persino il vampiro, un essere chiaramente fantastico, è reso quasi umano, tanto che a un certo punto è facile scordarsi della sua natura sovrannaturale e se ne coglie solo la fragilità interiore.
Non contiene scene erotiche, ma ce ne sono di violenza e tortura. Sotto questo aspetto, direi che non è un libro per tutti. In ogni caso, ne consiglio vivamente la lettura! E mi auguro di tutto cuore che l’autrice voglia regalarci un seguito, perché i suoi ragazzi se lo meritano proprio!

Cate

Annunci

2 thoughts on “Echi di sangue, di Giusy De Nicolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...