Bombora, di Mal Peters

AeP - Bombora

Autore: Mal Peters
Lunghezza stampa: 296
Editore: Dreamspinner Press
Lingua: Inglese
Acquistabile qui

Trama:

Dopo che una relazione disastrosa con un uomo sposato lo porta a perdere la sua famiglia e il proprio lavoro, Phelan Price finisce nella piccola cittadina, meta di surfisti, Cardiff-by-the- Sea, in California. È il posto perfetto per recuperare dopo un crollo nervoso e diventa persino buon amico di un surfista, Hugh, uno scrittore di racconti del mistero anche lui con la sua dose di demoni da esorcizzare. La vita non è perfetta, ma Phel sta cominciando a rimettersi in piedi. Ma poi fa ritorno l’amante che aveva cacciato, con il peso di un divorzio problematico, del quale si rifiuta di parlare, e getta il loro modo pacifico nel caos. Lo shock di Phel è completo quando l’uomo che sta cercando di dimenticare si presenta come il fratello di Hugh, Nate.

Per quello che riguarda Hugh, le cose non potrebbero andare meglio: Nate completa perfettamente la loro combriccola e il legame che si crea tra loro grazie al surf sembra essere forte. Ma è inconsapevole del fatto che, al di sotto della superficie, Nate e Phel condividono un passato oscuro che non avrebbe mai potuto immaginare, un’onda che rischia di trascinarli tutti sul fondo, consumandoli dall’interno.

Recensione:

Libro particolare, con molti pregi ma anche qualche difetto. La bella copertina me l’ha fatto notare e la trama me lo ha reso subito interessante. Mi aspettavo una piacevole e intensa lettura e sono stata parzialmente accontentata.

Lo stile dello scrittore è particolare: molto descrittivo, con pochi dialoghi e molti flashback. Tutto è raccontato in prima persona da tre diversi punti di vista, quello di Hugh, quello di Phel e quello di Nate, utilizzando il presente: ammetto che non è il mio stile preferito. Ho trovato la narrazione a volte confusa, persa spesso tra passato e presente, a volte forse eccessivamente discorsiva. Troppe le descrizioni e le riflessioni, tanto da farla diventare, in alcuni casi, noiosa.

Altro punto negativo, a mio avviso, è l’eccessiva ed esasperata inconsapevolezza dei personaggi. L’agire “al buio”, i segreti e le cose non dette sono il fulcro della vicenda, è vero, ma talvolta viene da chiedersi se l’autore non abbia calcato un po’ troppo la mano.

Ma nonostante gli aspetti negativi, ho comunque terminato il libro. Perché?

Perché la storia è davvero intrigante. Non particolarmente originale, ed è piuttosto ovvio come sia destinata a finire, ma lo scrittore è molto bravo nel tenere comunque il lettore avvinghiato alla vicenda, disperato per il bisogno di sapere cosa succede poi. Ci sono alcune scene memorabili e profondamente emotive che meritano assolutamente di essere lette. Una in particolare, verso la fine, l’ho letta d’un fiato, con il groppo in gola e le lacrime agli occhi. La descrizione di un semplice gesto, grazie all’abilità di Peters prende note quasi poetiche, caricandosi di significati profondi.

Il titolo riassume molto bene il concetto del libro: un’ondata che travolge, inaspettata e devastante, che cambia tutto. Un gran casino.

Non credo di poter annoverare Bombora tra i miei libri preferiti, perché lo stile è un po’ troppo distante da quello che in genere preferisco, ma resta comunque un bel libro anche se impegnativo, che mi sento di consigliare a chi piacciono i romance molto introspettivi e drammatici, a chi non ha paura di piangere.

Cate

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...