Timido di John Inman

timido

Autore: John Inman
Lunghezza stampa: 249
Editore: Dreamspinner Press
Lingua: italiano
Traduzione: Claudia Milani

Sinossi

Trovare l’uomo giusto è già abbastanza difficile. Gettate nel calderone anche un chihuahua incontinente, un amore non corrisposto, un caso piuttosto grave di ansia sociale, un padre in fin di vita, un cinghiale carnivoro, e diventa quasi impossibile. Tuttavia, le vie del Signore sono infinite, e quando Tom Morgan, un mite bancario affetto da una timidezza debilitante, incontra Frank Wells, appena arrivato dalla sua fattoria in Indiana e ancora più timido di lui, la scintilla scocca all’istante.
Ma proprio quando la storia tra i due sembra decollare alla grande, Frank è costretto a tornare a casa per assistere il padre malato di cancro e occuparsi della fattoria. Tom lo segue e tutt’a un tratto si ritrova a dar da mangiare ai maiali, a mungere le mucche e a chiedersi che fine abbia fatto la sua tranquilla vita cittadina. E tutti quei polli? Tom detesta i polli.
Tuttavia, con l’aiuto di Frank, Tom stringe i denti e va avanti. Incredibile quello che due ragazzi innamorati riescono a fare quando sono pazzi l’uno dell’altro! Neanche novecento polli possono qualcosa contro il vero amore.

Commento

Premetto che sono nata e cresciuta in campagna, in mezzo ai polli, alle vacche e ai maiali – e per un po’ anche ai cinghiali – quindi leggere questo libro è stato una specie di salto nel passato. L’autore ha saputo cogliere e rendere alla perfezione lo spaesamento misto a panico che coglie un cittadino quando si trova immerso nella vita rurale. Eppure Tom affronta tutto con una forza d’animo incredibile, con la forza del vero amore. Timido non è un romance nel senso comune del termine, ma mi ha fatto venire in mente uno degli assunti della moderna teoria letteraria: show don’t tell (mostra non raccontare). Il sentimento che lega Tom e Frank non è espresso a parole, non ci sono dichiarazioni strappalacrime o scene sdolcinate; c’è l’abnegazione quotidiana, il sacrificio per il raggiungimento di un fine comune, il condividere il fardello che l’altro porta sulle spalle, perché è questo ciò che fanno le coppie. E se non è amore questo, allora non so cosa lo sia. Il tutto condito da una sanissima dose di ironia.

Oltre che essere una campagnola, sono anche una persona molto timida, non patologicamente per fortuna, ma abbastanza da capire certi comportamenti di Tom: la fuga davanti al bar ad esempio, oppure i continui ripensamenti riguardo alla festa. Eppure Tom è tanto di più della sua timidezza, e lo si vede dall’umorismo con cui affronta la vita. Umorismo che vede solo lui, vero, ma che ci apre una finestra sulla sua personalità. E come è bella questa personalità: è forte, coerente, coraggioso. Perché sapete (ve lo dice una che è letteralmente terrorizzata dai polli e dai loro becchi appuntiti) ci vuole del gran coraggio per affrontare uno stanzone con novecento pennuti chioccianti! Tra l’altro, quando descrive come affronta l’esperienza è uno dei momenti più esilaranti del libro.

Assolutamente meraviglioso, poi, il rapporto tra Frank e il padre, e la descrizione dei loro momenti insieme è una delle parti che ho trovato più commoventi. Di primo acchito si potrebbe pensare che il modo in cui Joe tratta Stanley è inutilmente crudele, invece io dico: finalmente. Finalmente un genitore che riconosce le cose per quello che sono e non ha paura ad agire di conseguenza. Ovviamente neanche lui si sarebbe aspettato che l’ingordigia e la stupidità del figlio arrivassero a tanto. E forse questo è l’unico punto debole di una storia che altrimenti è assolutamente deliziosa da leggere.

Lo stile di Inman in questo libro è frizzante, ironico, spigliato e ci sono momenti di reale divertimento durante i quali si ride da matti (la scena dell’orto), seguiti da altri di una tenerezza commovente (la sanguisuga).

In definitiva un ottimo libro per passare qualche ora in compagnia di un personaggio bello soprattutto dentro.

Vittoria

Annunci

One thought on “Timido di John Inman

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...